Cuore, Passione e Tecnica: qualcuno volò sul nido del cuculo

“Studiate, trovate tutti i migliori insegnanti e studiate con loro, lavorate sulla recitazione per poter recitare, ma non per diventare famosi o per soldi. Lavorate sulle scene. Non vale la pena se lo fate solo per i soldi. Dovete amare questo lavoro”. Philip Seymour Hoffman

Mi sono imbattuto su queste parole qualche giorno fa. Le ho trovate sinteticamente perfette. Perché in due righe riescono a racchiudere un mondo. Un mondo meraviglioso e unico come quello della recitazione, dell’acting. Ed è riuscito a coniugare insieme tre elementi fondamentali per fare questo straordinario lavoro con dignità e onestà: il cuore, la passione e la tecnica. Un mix di questi tre elementi è la pozione magica è fatta (poi c’è bisogno dell’elemento fortuna, ma quello è un elemento, diciamo così, instabile…). Non credo che esista un metodo unico

 e solo per recitare, per interpretare delle battute. Ho avuto modo di lavorare su diversi metodi e sistemi di recitazione: dalla memoria emotiva di Stanislavskij, alle azioni fisiche di Grotowski, passando per la biomeccanica e il corpo poetico di Lecoq. Tutti mi hanno arricchito e nessuno ha cercato di inscatolarmi in una gabbia. Tutti i metodi, tutti i sistemi, servono per affinare delle tecniche che possano esaltare il talento. In realtà ognuno diviene poi creatore del proprio sistema, un mix di ciò che abbiamo studiato e che abbiamo messo in pratica, condito dalla nostra vita, dal nostro cuore e dalla nostra passione. Un mix funzionale per ottenere il miglior risultato possibile. Un attore (come un manager o un atleta) deve divenire il primo allenatore di se stesso. E per fare questo ha la profonda necessità di studiare, di mettersi alla prova con i migliori insegnanti e di conoscere la recitazione per poter recitare. Di bravi insegnanti ce ne sono molti, molti sono preparati, molti sono a vostro servizio, alcuni sono dei veri Maestri (con qualcuno ho avuto l’onore di lavorare, non li ringrazierò mai abbastanza). Ebbene, cercateli. Lavorateci insieme. Come una spugna cercate di assimilare il più possibile. Studiamo, continuiamo a farlo! Continuiamo a lavorare sui testi, ad essere curiosi e ad avere il gusto per il Bello (curate il vostro senso Estetico – ovviamente non parlo della bellona di turno sulle solite riviste patinate, parlo di altro).

Spesso, molto spesso, soprattutto in Italia vi è molta superficialità quando si parla di recitazione (nella testa di molte persone chi recita è un poco di buono, un farfallone, uno che non prende la vita seriamente…non è così). La recitazione è fatta di precisione e cura, non di pressapochismo e trascuratezza. Chi ha lavorato duramente su di sé, chi ha studiato per anni sulla recitazione, sa perfettamente cosa voglio dire. Conosco attori, giovani allievi, miei compagni di Accademia d’Arte e colleghi che si sono rotti la schiena per cercare la precisione nel loro lavoro, che hanno fatto e continuano a fare sacrifici per dare il meglio. Loro hanno la mia stima più totale. E non lo fanno per i soldi (spesso in teatro si lavora per quattro lire), lo fanno perché amano questo lavoro, artigianale, fatto di prove, fatto di sudore, fatto di voglia di migliorarsi.

Spesso quello che vedo e sento è che fare l’attore serve per diventare famosi e per fare soldi. No. Non è così, c’è un intero popolo di Attori che lo fa per amore dell’arte. Ed è questo che conta, come dice Seymour Hoffman. Certo poi nessuno fa l’ipocrita: arrivare ad avere un po’ di fama e un buon cachet è importante! Ma non dev’essere il fine, semmai una conseguenza del buon lavoro fatto.

Bisogna osservare il mondo attorno a noi. Osservare le persone in metropolitana, al ristorante, al bar, nelle sale d’attesa. Osservarle davvero, profondamente. Ma senza giudizio, solo annotando nella mente ciò che fanno, come si comportano, che tipo di camminata hanno etc. Un attore con un pessimo ascolto ed una pessima osservazione sarà un pessimo attore. Questi sensi bisogna allenarli, bisogna metterli in pratica, bisogna educarli. E non è semplice. Alcuni hanno la fortuna di avere il talento innato per certe cose, altri invece devono lavorare duramente per ottenere dei buoni risultati. Così c’è chi ha un talento naturale per il canto, mentre altri devono educare la propria voce ed il proprio ascolto musicale per arrivare a risultati accettabili. Ma va bene così: l’importante è lavorare sempre per migliorarsi e cercare di ottenere quell’obiettivo che ci sta tanto a cuore (e questo vale nelle aziende e nello sport, quanto nelle arti). Non arrendersi, mai.

In Qualcuno volò sul nido del cuculo Jack Nicholson fa una scommessa con i suoi compagni di manicomio per fare un po’ di soldi: sradicherà un blocco di cemento dal bagno. Primo tentativo: fallito. Secondo tentativo: fallito. Terzo tentativo: uguale. I compagni sorridono. Lui dice di ridere pure, però lui ci ha provato, maledizione, non ce l’ha fatta, ma almeno lui ci ha provato. Già, un sognatore. E ci ha provato. Ed è stato d’esempio per tutti. Questo è l’importante.

Un grande abbraccio a tutti.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

"Chi non osa in nulla, non speri in nulla."

F. von Schiller

luca stano looking for a good inspiration

"Ogni momento è un nuovo inizio"

T.S. Eliot

Social Media

Categorie

I post più pop

let's talk

Tranquilli, non spammo.

Per Stampa, media, pubblicità e richieste di collaborazione, per cortesia, scrivete a [email protected] oppure usate il form che segue // For Press, media, commercials and collaboration enquiries, please write to [email protected] or use the following form.

Scrivetemi:

Stay tuned

Potrebbero interessarti anche:

Un’Itaca – Kavafis e il dio della rondella

Stamattina ero in balcone, guardavo le montagne lontane e il sole batteva sulla casa di fronte, io mi godevo l’ombra e già che c’ero ho annaffiato la piantina di basilico che mi guardava triste. Leggevo alcune poesie di Kavafis e mi sono soffermato su “Itaca”, un

Continua »
un sacco bello luca stano blog attore recitazione

Un sacco bello e un pensiero d’agosto

Ho sempre amato la filosofia – al liceo come ho già avuto modo di dire, ho amato il mio professore di filosofia – era ed è una materia appassionante, a volte fine a se stessa, una bella pippa mentale, ma ti allarga il pensiero, lo

Continua »

Il capitale umano e l’ultimo dei Mohicani

Qualche giorno fa è venuta fuori la notizia sul valore del capitale umano in Italia: per l’ISTAT sostanzialmente ogni italiano vale 342mila euro, mentre una donna italiana vale circa 231mila euro, ossia il 32,5% in meno (secondo dati del 2008). Ovviamente questi dati non tengono

Continua »
Torna su