Le tipologie di attori e caratteri. Tu a quale appartieni?

Qualche giorno fa, mentre ero in un bar milanese, mi sono imbattuto in una rivista statunitense, di quelle patinate, era lì tutta sola che mi guardava e per curiosità me la sono sfogliata. Ad un certo un articolo ha catturato la mia attenzione. Parlava di recitazione. Ovviamente, essendo focalizzata sull’industria hollywoodiana, si concentrava prevalentemente su cinema e televisione, mentre parlava di teatro come un buon modo per “farsi vedere” (da chi conta nel cinema). E devo dire che ha rispecchiato quello che ho avuto modo di toccare con mano nella mia breve esperienza losangelina.

La domanda che si poneva l’articolo è: che tipologia di attore sei? Qual è il tipo di carattere che meglio rispecchia il tuo modo d’essere? Per certi versi mi ha ricordato le tipologie junghiane (per chi volesse approfondire vi sono molti libri interessantissimi a riguardo).
Bhe, nell’ignoranza e nella curiosità ho continuato a leggere l’articolo, 

ho preso appunti e ho cercato di approfondire l’argomento tra un sorriso e l’altro (devo dire che mi ha divertito questa ricerca) accompagnato da un buon caffè macchiato con croissant e succo d’arancia in una fresca (ma non troppo) mattinata milanese.

Questo articoletto un po’ frivolo nasconde diverse verità. Cercate la tipologia che meglio si adatta al vostro carattere e successivamente provate a renderla unica (modellandola sulla vostra persona) per essere specifici in questo mondo che tende a livellare ogni personalità. D’altronde credo sia proprio quello che cercano di trovare i casting director, ossia cercare di capire se sei la tipologia d’attore che meglio si può adattare a quel determinato ruolo (su questo non dico proprio nulla di nuovo).
Spero che possa esservi utile, nella sua frivolezza e ironia (nessun attore ama essere catalogato!). Tra parentesi alcuni attori che hanno sviluppato la loro carriera in relazione a quella determinata tipologia.

Eccovi le tipologie più ricorrenti:

L’INGENUO
Il suo obiettivo e desiderio è quello di essere felice. Una delle sue caratteristiche predominanti è che ha paura di essere punito per aver fatto qualcosa di sbagliato. Infatti cerca di fare la cosa giusta al momento giusto.

Questo tipo di approccio richiede:
• fiducia in sé
• ottimismo
• una vena sognante

Le parole chiave di questo carattere sono:
• bontà
• moralità
• semplicità
• romanticismo

(David Schwimmer, Meg Ryan)

 

 

 

LA PERSONA DELLA PORTA ACCANTO

 una tipologia di persona che ha come obiettivo principale quello di relazionarsi sinceramente agli altri. La sua strategia è quella di avere un modo di fare molto semplice, con i piedi per terra e con valori solidi, tradizionali, che non hanno un’immagine elitaria, potente o stressata.

Una tipologia che possiede:
• uno spiccato senso di realismo
• empatia
• sincerità

Ruoli che meglio si avvicinano a questo carattere:
• il bravo ragazzo
• il lavoratore tutto d’un pezzo
• il cittadino virtuoso
• il buon vicino
• la ragazza della porta accanto

(Ray Romano, Sandra Bullock)

 

 

 

IL SAGGIO
Il suo obiettivo principale è quello di usare l’intelligenza e l’analisi razionale per scoprire la verità e comprendere il mondo. Non vuole essere ingannato, ignorato o preso in giro.

Per sviluppare questo tipo di carattere è necessario sviluppare:
• buona cultura
• educazione
• perizia

È importante possedere:
• buone doti gestionali
• essere preciso
• lavorare su una immagine altamente professionale

Può fare ruoli come:
• il mentore
• il guru
• il professore

(Leonard Nimoy, Oprah Winfrey)

 

 

 

L’ AVVENTUROSO
È un tipo di persona che cerca una vita migliore, piena e ricca di momenti unici. L’avventuriero cerca di sfuggire al conformismo e al senso di chiusura. Non ama stare chiuso in una gabbia, sia essa mentale o fisica. La strategia è quella di cercare nuove situazioni e di sfuggire dalla quotidianità.

È una persona con le seguenti caratteristiche:
• indipendente
• ambiziosa
• con un’individualità particolare
• anticonformista
• con uno spirito libero
• grande sperimentatore

(Ellen DeGeneres, Johnny Deep)



 

L’EROE

L’eroe è quel tipo di persona che crede che la volontà possa portare a grandi traguardi. Il desiderio più grande è quello di dimostrare che il valore di un uomo si misura attraverso il suo coraggio.

I punti di forza:
• la capacità
• la competenza

Vuole migliorare il mondo sfidando le sue paure.
Avere questo tipo di carattere non è facile, anche perché è una tipologia che necessità di molte qualità che sono specifici di altri caratteri.

Sicuramente c’è bisogno di:
• sincerità
• determinazione
• fermezza
• sprezzo del pericolo

Sono persone su cui noi facciamo affidamento.

(Sylvester Stallone, Linda Hamilton)

 

 

IL FUORILEGGE
Vuole cambiare ciò che non gli sta bene, molto spesso attraverso la vendetta o la rivoluzione.

Questo tipo di persona ha un carattere:
• ribelle
• selvaggio
• si ribella alla normalità
• con un profondo lato oscuro

La sua strategia è quella di distruggere, scioccare e sconvolgere lo stato delle cose.
Lavorare su questa tipologia significa prevalentemente rompere con le convenzioni.

Parole chiave:
• radicale
• scandaloso
• reietto della società
• ribelle

(Al Pacino, Kathy Bates)



 

IL CAPO
L’obiettivo è quello di creare una famiglia, una comunità oppure una squadra. La sua volontà è quella di avere la situazione sotto controllo e raggiungere il successo.

È importante possedere la capacità di trasmettere queste caratteristiche:
• potere
• leadership
• responsabilità
• autorità

È fondamentale avere:
• profonda fiducia in se stessi
• equilibrio

(Judi Dench, Sean Connery)

 

 

IL VISIONARIO
Fa in modo che i sogni diventino realtà. La sua principale strategia è quella di sviluppare una propria visione della vita e di perseguirla. Spesso ha un approccio alla vita molto “new age”.

Appare:
• visionario
• carismatico
• con un alto grado di spiritualità

(Lucy Liu, John Voight)

 

 

 

IL CREATIVO
È una persona che vuole dare forma a una visione e lo vuole fare attraverso solidi valori.

È necessario avere e sviluppare:
• un senso artistico
• cultura
• abilità creative

È un tipo mai banale, insolito e immaginifico.

(Steve Martin, Bette Midler)

 

 

 

IL ROMANTICO
Intimità ed emozionalità sono le parole chiavi che utilizza questa tipologia di persone per raggiungere il suo scopo, ossia raggiungere una relazione.

Il romantico sfrutta tutte le sue armi migliori, ossia prevalentemente:
• la passionalità
• la riconoscenza
• l’impegno ad essere emozionalmente o fisicamente attraente

Ruoli che meglio si adattano a questa tipologia:
• lo sposo
• il buon amico
• il partner leale

(Aaron Eckhart, Drew Barrymore)

 

 

 

IL SIMPATICO
Il suo obiettivo è quello di divertirsi e prendere un po’ in giro il mondo. Questa tipologia ama giocare, fare scherzi, può essere un simpatico imbroglione. Sfugge la noia né tantomeno vuole essere noioso.

Le caratteristiche principali:
• essere divertente
• essere vispo
• vivere il momento presente

È necessario sviluppare un approccio:
• amichevole
• accogliente
• affabile

Parole chiave:
• sincerità
• disponibilità al cambiamento
• essere persone alla mano

(Adam Sandler, Queen Latifah)

 

 

 

L’INFERMIERE
Questa tipologia si prende cura degli altri e li protegge senza egoismi. Agisce per gli altri con compassione e generosità.

Ruoli:
• il genitore
• l’aiutante

Trasmettere questa figura significa possedere valori che riguardano:
• la famiglia
• il senso di condivisione
• la salute
• l’educazione

(Frances McDormand, Alan Alda)

 

 

 

È chiaro che ci sono moltissime altre tipologie, queste sono le più ricorrenti e spesso molti attori hanno l’abilità di combinare più caratteri e quindi ci sono infinite possibilità. Ognuno si può sbizzarrire a trovare il proprio profilo o a sperimentarne degli altri.

Alcuni esempi:
• Harrison Ford è un eroe della porta accanto
• Robin Williams è un simpatico creativo
• Julia Roberts una ingenua avventuriera
• Sarah Jessica Parker un carattere romantico che tende a prendersi cura degli altri

Una delle possibilità più importanti per un attore è quello di sviluppare più caratteri partendo da quello che gli è più proprio, ampliando quindi le proprie possibilità sceniche.

Ora non resta che guardarsi dentro, in modo spassionato e obiettivo e cercare di capire che tipo di persona e carattere si è. Puoi scegliere chi sei o puoi lavorare per raggiungere il carattere o il mix di caratteri che preferisci o ti serve per un personaggio. Siate creativi e giocate con voi stessi!

Cool, man!

 

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

"Chi non osa in nulla, non speri in nulla."

F. von Schiller

luca stano looking for a good inspiration

"Ogni momento è un nuovo inizio"

T.S. Eliot

Social Media

Categorie

I post più pop

let's talk

Tranquilli, non spammo.

Per Stampa, media, pubblicità e richieste di collaborazione, per cortesia, scrivete a [email protected] oppure usate il form che segue // For Press, media, commercials and collaboration enquiries, please write to [email protected] or use the following form.

Scrivetemi:

Stay tuned

Potrebbero interessarti anche:

Un’Itaca – Kavafis e il dio della rondella

Stamattina ero in balcone, guardavo le montagne lontane e il sole batteva sulla casa di fronte, io mi godevo l’ombra e già che c’ero ho annaffiato la piantina di basilico che mi guardava triste. Leggevo alcune poesie di Kavafis e mi sono soffermato su “Itaca”, un

Continua »
un sacco bello luca stano blog attore recitazione

Un sacco bello e un pensiero d’agosto

Ho sempre amato la filosofia – al liceo come ho già avuto modo di dire, ho amato il mio professore di filosofia – era ed è una materia appassionante, a volte fine a se stessa, una bella pippa mentale, ma ti allarga il pensiero, lo

Continua »

Il capitale umano e l’ultimo dei Mohicani

Qualche giorno fa è venuta fuori la notizia sul valore del capitale umano in Italia: per l’ISTAT sostanzialmente ogni italiano vale 342mila euro, mentre una donna italiana vale circa 231mila euro, ossia il 32,5% in meno (secondo dati del 2008). Ovviamente questi dati non tengono

Continua »
Torna su