Un sacco bello e un pensiero d’agosto

un sacco bello luca stano blog attore recitazioneHo sempre amato la filosofia – al liceo come ho già avuto modo di dire, ho amato il mio professore di filosofia – era ed è una materia appassionante, a volte fine a se stessa, una bella pippa mentale, ma ti allarga il pensiero, lo rende tridimensionale, profondo. Poi mi sono avvicinato alla psicologia, ho letto libro di Freud, Jung, Adler…poi ho letto e cercato di interpretare Shakespeare,

Moliere, i classici della cultura classica, da Medea e Edipo, da Eschilo a Seneca e poi mi sono incaponito con le serie tv americane più disparate, da “Dexter” a “Lie to me” (ero impazzito per la prima serie), da “Lost” fino a “House of cards” (stupenda!). Ma non basta, perché poi segui la realtà, ti appassioni al singolo caso giudiziario del momento, da Parolisi a Yara, da Meredith alle bestie di Satana, le vicissitudini, le fortune e le disgrazie del politico di turno, degli imprenditori, del gesto folle e inconsulto dell’uomo della strada. Viaggi, osservi le persone per lungo tempo. A volte ti arrabbi. Altre ti emozioni di gioia. E intanto lavori al prossimo progetto, fai riunioni, incontri, guardi negli occhi le persone, a volte fai bene, altre volte sbagli e commetti errori grossolani sul conto di questa o di quell’altra persona o su te stesso e torni a casa, felice o sconfitto, non ha importanza. Ieri ero al Giardino degli Aranci (tra ‘altro in vialone centrale è intitolato al grande Nino Manfredi), luogo unico fatto di silenzi e bellezza, intervallati dal canto delle cicale e dal sole polveroso di Roma (avete presente quella giornata descritta così bene da Verdone in “Un sacco bello” quando Mimmo incontra Marisol? – “Nooo..io domani, Ladispoli…” – Ecco esattamente quello…) e guardavo i tanti turisti, le comitive di olandesi, tedeschi, francesi…ognuno così apparentemente diverso. Oggi sono a casa, cielo terso, la signora di fronte con i bigodini stende i panni. Ho passato la mattinata a scrivere un documento e sto trascorrendo il pomeriggio a leggere un libro e mi sono fermato un momento, ho pensato al mio lavoro, a ciò che mi appassiona e tutto mi è sembrato così chiaro: mi interessa capire (e agire) i segreti che legano gli esseri umani. Tutto sommato, sono sempre gli stessi, che si chiamino Luca, John, Mohamed o Chun. Ma è un viaggio duro dentro di sé, duro e bellissimo. Senza sconti. Aspro, ma maledettamente straordinario. Dove la mia realtà e la finzione di un testo, la fredda cronaca e il mondo immaginifico non hanno più confini ben definiti, ma si amalgamano, si mantecano, si contaminano vicendevolmente per creare una nuova esperienza. E grazie ad artisti come Carlo Verdone – un vero mito! Leggeri, profondi, amanti della realtà, affamati di realtà, con la voglia di immaginare traendo spunto da ciò che ci circonda. Viva Carlo!

Buona estate a tutti!

PS. Il post è stato scritto ascoltando i Morphine, Jimi Hendrix, Elio e le storie tese, Gianni Morandi e Luis Bacalov

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

"Chi non osa in nulla, non speri in nulla."

F. von Schiller

luca stano looking for a good inspiration

"Ogni momento è un nuovo inizio"

T.S. Eliot

Social Media

Categorie

I post più pop

let's talk

Tranquilli, non spammo.

Per Stampa, media, pubblicità e richieste di collaborazione, per cortesia, scrivete a info@lucastano.it oppure usate il form che segue // For Press, media, commercials and collaboration enquiries, please write to info@lucastano.it or use the following form.

Scrivetemi:

Stay tuned

Potrebbero interessarti anche:

Un’Itaca – Kavafis e il dio della rondella

Stamattina ero in balcone, guardavo le montagne lontane e il sole batteva sulla casa di fronte, io mi godevo l’ombra e già che c’ero ho annaffiato la piantina di basilico che mi guardava triste. Leggevo alcune poesie di Kavafis e mi sono soffermato su “Itaca”, un

Continua »
un sacco bello luca stano blog attore recitazione

Un sacco bello e un pensiero d’agosto

Ho sempre amato la filosofia – al liceo come ho già avuto modo di dire, ho amato il mio professore di filosofia – era ed è una materia appassionante, a volte fine a se stessa, una bella pippa mentale, ma ti allarga il pensiero, lo

Continua »

Il capitale umano e l’ultimo dei Mohicani

Qualche giorno fa è venuta fuori la notizia sul valore del capitale umano in Italia: per l’ISTAT sostanzialmente ogni italiano vale 342mila euro, mentre una donna italiana vale circa 231mila euro, ossia il 32,5% in meno (secondo dati del 2008). Ovviamente questi dati non tengono

Continua »
Torna su